Editoriale AudioGallery 3

Quando abbiamo deciso di intraprendere l’avventura AudioGallery ci siamo interrogati su come avrebbero reagito gli appassionati, gli operatori, il mercato nel suo insieme. Il settore hi-fi in Italia non è sconfinato (ma neanche piccolo come lo si vorrebbe dipingere), per cui un nuovo player non aveva alcuna certezza di far bene.
Ancora oggi mi chiedo, e vi chiedo, come potremmo migliorare la nostra proposta editoriale ma una cosa è certa: voi lettori ci avete accolto con entusiasmo. Premiandoci con numeri in edicola che ci proiettano al secondo posto delle riviste di settore più vendute, subito dopo AudioReview, staccando di unità astronomiche qualsiasi altro competitor.

Gli operatori, poi, accettano le nostre richieste di prodotti da provare con disponibilità a me, finora, sconosciuta.
Quindi il nostro impegno, come penso possa essere evidente già con questo numero dedicato alle amplificazioni, è totale e senza risparmio, e proseguirà senza requie.
Il mio personale grazie va a quanti hanno permesso al sottoscritto di commuoversi constatando l’affetto con cui è stata salutata la nascita di AudioGallery, misurando con ciò l’amore per il meraviglioso mondo della riproduzione musicale domestica di alta qualità.

La passione che lega ciascun appassionato di cose audio ai prodotti che recensiamo ad ogni numero è immarcescibile.
Lo sappiamo bene, perché è la stessa scintilla che ci sprona a scovare il meglio per potervene poi riferire.
Non tutti, compreso chi scrive, possono arrivare a possedere gli oggetti molto spesso costosissimi di cui ci occupiamo, ma i lettori debbono sapere dove si colloca lo stato dell’arte. A tutti, comunque, offriamo analisi soniche anche di oggetti dal prezzo più abbordabile.

Non è un caso, per rimanere al numero che avete proprio ora davanti, che l’integrato PrimaLuna o quello AVM abbiano suscitato l’entusiasmo di recensori esperti e navigati come Claudio Mazzotti e Andrea Morandi o che il Sugden sia considerato con malcelata emozione da Gianfranco Machelli una delle vette dell’hi-fi britannica di sempre.
AudioGallery si occuperà sempre del meglio del meglio che c’è, così come delle più inequivocabili dimostrazioni di apparecchi capaci di garantire un elevato rapporto suono/prezzo.
Perché i grandi suoni rimarranno tali anche quando le inarrivabili elettroniche che li producono apparterranno ormai al mondo dell’usato, quindi disponibili a platee ben più ampie, e perché proporre oggi qualcosa di assolutamente eccitante alla portata di molti rappresenta una sfida che raccogliamo con entusiasmo.

Cari amici lettori, cari appassionati della più gloriosa delle arti umane, continuate a seguirci con fiducia!
Faremo del tutto per partorire ogni volta una rivista rispettabile, accurata e sempre più ricca di contenuti.

Grazie dal profondo del mio cuore.
Viva la Musica.
Andrea Della Sala

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment