AudioGallery 10, maggio-giugno 2018

Siamo giunti così al numero 10 di AudioGallery, supplemento di maggio-giugno 2018 ad Audio Review n.398.

Dopo aver letto tutti gli articoli devo riconoscere che ne sono rimasto particolarmente soddisfatto. Questo numero di AudioGallery mi sembra anche migliore dei precedenti, che pure si sono guadagnati la stima di migliaia di lettori. In questo caso sono rimasto subito colpito dagli articoli iniziali. Segnalo in particolare quello di Giulio Salvioni, per la rubrica AudioPress (pag.5), ricco di consigli pratici per valutare all’ascolto la qualità della riproduzione audio di impianti e componenti. Un testo che merita di essere studiato da chiunque ambisca, anche solo per diletto, a cimentarsi nel ruolo di critico audio. Segue, da non perdere, il servizio che Italo Adami ha redatto per la rubrica AudioPhilo ed incentrato sull’ascolto a confronto di ben sette diverse edizioni del triodo 300b: dalla Western Electric alla Electro Harmonix Gold, passando per le varie Takatsuki, Sophia Electric Royal Princess, KR Audio, Emission Lab ed Elrog. Chi mai ha fatto una disamina così completa sul suono di questo componente?

Decisamente interessante è anche la recensione del giradischi Vertere SG-1, un marchio e un prodotto che in Italia non si erano mai visti prima, ben conosciamo però l’abilità e l’esperienza del suo progettista, Touraj Moghaddam, già fondatore della Roxan ed ora CEO della Vertere Acoustics. L’autore del servizio (e direttore editoriale), Andrea Della Sala, non si è fatto sfuggire l’occasione per contattare il noto personaggio e riportare le sue dichiarazioni in una intervista esclusiva per i lettori di AudioGallery.

Evito qui di commentare tutti i prodotti in prova ma sono certo che i lettori apprezzeranno l’impegno a recensire non solo apparecchi da sogno e dai costi proibitivi ma anche componenti abbordabili e comunque ben suonanti. Mi riferisco al sistema completo composto dai Rotel RCD-1572 ed RA-1592 abbinati ai nuovi diffusori Spendor A1, ma anche al giradischi Clearaudio Concept.

Autorevole, come sempre, è la rubrica AudioRetrò, questa volta a cura di Giacomo Pagani e dedicata alla disamina del giradischi Technics SL-1000 mkII a confronto con la recentissima edizione SL-1000R, illustrata in prima persona dai vertici giapponesi Itani e Shiwa.

Apprezzabile che in un numero dedicato principalmente (ma non esclusivamente) all’audio analogico siano presenti anche test di prodotti di altra natura ed articoli tecnici di più ampio respiro. Notevole è il contributo di Mario Richard che, nella prova del convertitore D/A Chord Hugo2, ha preso in esame l’originale teoria del progettista Robert Watts. C’è poi l’intervista al CEO di Roon, Enno Vandermeer, e l’ormai consolidato contributo di Bartolomeo Aloia che, con la sua pungente scrittura, affronta il tema della controreazione. Un altro tema che stimola la discussione è quello affrontato nella recensione del cavo USB Curious. Per molti, compreso il sottoscritto, è davvero difficile credere che un cavo digitale possa influenzare la qualità del suono: o funziona o non funziona. Ebbene, ho dovuto ricredermi dopo aver riscontrato che cavi USB perfettamente normali possono comportarsi in modo differente tra loro perfino sul banco di misura… Ma questa è un’altra storia di cui vi parleremo sulle pagine di AUDIOreview.

Buona lettura e buon ascolto.

Author: Mauro Neri

Share This Post On

Submit a Comment