AudioReview 386, aprile 2017

Ancora una rivista di spessore, non solo per il numero di pagine ma certamente per i contenuti.

In copertina spiccano due prodotti prestigiosi: il sistema di altoparlanti Marten Mingus Quintet ed il processore audio multicanale Trinnov Altitude 32. Il titolo “Le stampati 3D del suono” è stato concepito con riferimento a quest’ultimo, giacché la sua peculiarità è proprio quella di ricostruire una scena sonora tridimensionale indipendentemente dalle caratteristiche dell’ambiente; tuttavia anche i Marten manifestano ottime capacità in questo senso per cui il titolo si riferisce anche ad essi. Peccato che questi prodotti siano decisamente costosi e quindi solo un sogno per i più.

Nella stessa rivista sono però recensiti anche diversi altri prodotti ben più abbordabili. Da questo punto di vista sorprende il nuovissimo sistema di altoparlanti DALI Spektor 6, diffusore da pavimento dotato di un tweeter a cupola morbida da 25 mm e di due mediobassi da 16,5 cm. Un prodotto dalle prestazioni di tutto rispetto e offerto al prezzo di 650 euro la coppia! Una cifra davvero sorprendente per un sistema di altoparlanti progettato in Danimarca ma costruito in Cina per contenere al minimo i prezzi di produzione.

Un altro titolo in copertina attiene ad un servizio su tutto quanto concerne “il Bluetooth e l’audio”: come funziona, le versioni disponibili e le prestazioni corrispondenti, dall’originaria 1.0 fino alla 5.0 rilasciata nel 2016 e che ci si aspetta di trovare nei migliori dispositivi mobili in uscita nel corso del 2017.

Gli amanti dell’elettronica a valvole apprezzeranno il servizio dedicato alla EL34 (in America 6CA7), considerata la più famosa valvola di potenza per uso audio, e altre simili come la 6L6GC e la 5881. Viene anche presentato un circuito di amplificatore finale push-pull in classe AB con stadio di uscita configurato a pentodo e dove è possibile impiegare anche la KT88, la KT120 e la KT150.

Richiamo in copertina anche per l’articolo sul “personal streaming”, dove si spiega come accedere alla propria libreria digitale di brani musicali, anche ad alta risoluzione, ovunque ci si trovi in Italia e nel mondo, basta un collegamento internet, ed anche con dispositivi portatili. Più e meglio di qualunque Tidal o Spotify.

Per gli altri, numerosissimi, articoli, si rimanda direttamente al sommario. Ne scoprirete di interessanti.

Author: Mauro Neri

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *