AudioReview 400, luglio-agosto 2018

copertina AudioReview 400

Per il numero 400 di AudioReview abbiamo scelto una copertina totalmente grafica. Si tratta di una bella creazione di Daniela Sciubba Caniglia ispirata all’opera di Vassily Kandinsky, l’artista russo considerato il fondatore della pittura astratta e un pioniere della sinestesia tra suono e colore, alla ricerca di colori e segni grafici capaci di dare la sensazione di suoni. Una copertina speciale, quindi, per un’edizione speciale che celebra l’ambizioso traguardo dei 400 numeri pubblicati.

Anche il numero delle pagine, ben 260, è indicativo dell’impegno profuso nella realizzazione di AudioReview n. 400. Per trovare un AR con più pagine bisogna tornare indietro di oltre vent’anni, quando però la rivista includeva 50-80 pagine di pubblicità, che certamente alleggerivano l’impegno redazionale.

In questo caso, invece, per offrire ai lettori una rivista così ricca e generosa abbiamo potenziato la redazione avvalendoci del contributo di alcune delle firme storiche di AudioReview. Questo significa che all’interno abbiamo articoli eccezionalmente redatti da autori che hanno contribuito a fare grande questa rivista, a cominciare dal suo primo direttore e fondatore, l’ingegnere Paolo Nuti, che con il suo inconfondibile stile ha scritto l’editoriale di questo mese.

Rileggendo i nomi degli autori che hanno collaborato alla realizzazione dello “Speciale AR 400” si può notare il contributo di un buon numero di direttori editoriali e/o tecnici o ex tali, che ci hanno fornito articoli per l’occasione. Un nome per tutti: Gianfranco Maria Binari, che tra l’altro ci racconta come è nata la prima rivista italiana di hi-fi; rivista a cui anche il sottoscritto ha collaborato in quegli anni remoti, così come il già citato Paolo Nuti, ma anche Walter Gentilucci, Fabrizio Montanucci, Gian Piero Matarazzo, Gianfranco Machelli, Maurizio Ramaglia e Bebo Moroni, per citare altri autori che hanno scritto testi per AudioReview n. 400.

Una panoramica completa degli articoli pubblicati è visibile nel sommario di AR400 . Qui posso anticipare di aver chiesto ai vari redattori di raccontare quali prodotti hanno segnato in qualche modo la propria storia di appassionato di musica riprodotta ad alta fedeltà. Abbiamo così realizzato una rassegna di “pietre miliari” dell’audio hi-fi, con qualche interessante divagazione su temi come “L’evoluzione dei sistemi di altoparlanti e delle relative misure in 400 numeri di AudioReview” proposta da Gian Piero Matarazzo, e un’analisi comparativa tra preamplificatori allo stato dell’arte, con valutazioni tecniche e d’ascolto, proposta da Fulvio Chiappetta (altro ex direttore di testata).

Tutto questo va ad aggiungersi alle consuete prove di prodotti audio e video, tra cui, di particolare interesse per gli appassionati di video, si segnala il test del TV LCD Ultra HD e HDR modello 65SK95PLA di LG “completo, versatile e decisamente moderno”, e del Panasonic DP-UB9000, lettore multistandard Ultra HD “Signore dell’HDR” che ambisce al ruolo di leader del settore al posto del “dimissionario” Oppo.

Sul fronte della musica, in aggiunta alle recensioni delle novità discografiche, abbiamo chiesto a ciascuno dei 15 redattori della sezione musicale di indicare un elenco dei 40 album “consigliati” facendosi guidare dal sentimento più che dalla “ragion critica”. Ne è scatuta così una interessante rassegna di 600 album (un po’ meno considerando le ripetizioni) da prendere in considerazione per godere di buona musica. Al contempo si offre al lettore la possibilità di verificare se i propri gusti collimano con quelli dei vari recensori.

Notevole, infine, la sezione dedicata all’audio in auto, che per l’occasione offre una rassegna storica in materia di car audio a partire dalle origini della radio fino alle soluzioni attuali più evolute.

Insomma, un numero di AudioReview davvero speciale, dove c’è da leggere per due mesi, infatti la rivista è datata luglio-agosto 2018. La prossima uscita, AR n.401, è in programma per la fine di agosto.

Buona lettura e buon ascolto.

Author: Mauro Neri

Share This Post On

Submit a Comment